4 Consigli dagli USA su Come Creare un'App di Successo

iphone app Scrivo questo articolo perché sono stata recentemente contattata da un giovane startupper italiano che dopo aver investito alcune decine di migliaia di dollari nello sviluppo e lancio di una sua app, purtroppo non ha ottenuto i risultati che sperava.

Nella patria di AppleStore (1 milione di app e oltre 60 miliardi di downloads) e Google Play (quasi 1 milione di app e 48 miliardi di downloads) le opportunità per chi ha una buona idea per creare un'app di successo sono enormi, tuttavia non bisogna ignorare la crescente competizione e le difficoltà nell'ottenere i download necessari per generare utili.

Pertanto ecco 4 semplici consigli dagli USA su come aumentare il potenziale di successo della vostra app.

Innanzitutto, bisogna creare qualcosa che il mercato desideri, non basta che l'idea sia simpatica, oggi gli utenti vogliono qualcosa di interessante, utile, avvincente.

Quindi, CONSIGLIO n. 1: Prima di mettere in atto la vostra idea, studiate il mercato per individuare tendenze, nicchie e possibilità, non basatevi unicamente su voi stessi e un circolo limitato di amici.  Partite dai due Store (Apple e Google) per sapere quali sono le app che hanno più download e da li' iniziate ad analizzare le tendenze di un mercato in continua evoluzione per individuare quali sono le migliori opportunità.

CONSIGLIO n.2 -  Mettiamo che avete solo poche migliaia di dollari a disposizione ($5.000 ad esempio) che cosa vi conviene fare per ottimizzare l'uso di questo piccolo investimento iniziale?  La prima cosa da fare e' contrattare uno sviluppatore free lance e fargli creare un modello di base della vostra app, senza preoccuparvi del design ma includendo le principali funzioni affinché possiate usarlo come demo per fare i pitch agli investitori.

Al che voi mi chiederete: non e' più semplice fare fundraising tramite crowdfunding? Non necessariamente, queste piattaforme richiedono un grande impegno e know-how a livello di marketing per raggiungere gli obiettivi prefissati entro il tempo limite (generalmente 60 giorni).  Insomma, questo processo e' molto più complesso di quanto possa sembrare e per ora i veri successi sono difficili da quantificare.

CONSIGLIO n.3  - UI/UX questo fa parte della pianificazione per lo sviluppo dell'app, un punto fondamentale e' mantenere lo User Interface (UI) molto semplice, gli utenti non sono propensi a leggere istruzioni soprattutto dal telefonino, invece si aspettano che l'app sia "autoesplicativa". Pertanto il "segreto" e' quello di rendere l'utilizzo della vostra app il più semplice ed intuitivo possibile.

CONSIGLIO n.4 - Ora che l’app è pronta dovrà competere con migliaia di altre applicazioni presenti su Apple e/o Google per farsi trovare e scaricare, cosa fare per aumentarne la visibilità e i download?  Se si tratta di un'app che e' web-based allora si deve lavorare ASSIDUAMENTE sul Search Engine Optimization (SEO).

Se invece si tratta di un'app che e' strettamente mobile-based, diffonderla e' molto più difficile perché richiede non solo la giusta scelta di parole chiave e ottimizzazione per la descrizione nello Store ma e' anche necessario che ottenga recensioni, menzioni e che contenga qualche elemento virale che possa essere condiviso dagli utenti con le loro community aumentandone quindi il numero di utilizzatori.

Per quanto riguarda i modelli di business, generalmente si parte da una versione "Free" per poi arrivare alla vendita della versione "Premium", inoltre si può usare la vendita di pubblicità, o solo puntare ad acquisire un enorme numero di utenti gratis per poi farsi comprare da un big player come ha fatto Instagram con Facebook.  Stanno continuamente nascendo altri modelli frutto della creatività degli startupper e dei loro collaboratori che si basano, ad esempio, su vendite o percentuali sui servizi/prodotti offerti tramite le app.

Insomma, sviluppare un'app e' solo il primo passo ma, come avrete capito, finanziarla e diffonderla sono probabilmente gli aspetti più impegnativi che,  oltre al know-how tecnico, richiedono un buon senso degli affari.